“Scusi mi sono persa” e gli sfila l’orologio d’oro. Due colpi a Vigliano, poi Biella e Gaglianico

Ancora un colpo della banda dell’replica orologi rolex. L’ultima vittima è un uomo di 79 anni di Vigliano Biellese. L’uomo stava scendendo dalla sua auto, proprio sotto casa, in via Montegrappa quando è stato avvicinato da una giovane donna. Questa lo avrebbe distratto riuscendo a sfilargli dal polso il suo orologio d’oro del valore superiore ai mille euro. Al pensionato non è restato che chiamare i carabinieri. Ai militari ha descritto la ragazza che a suo dire avrebbe parlato con un accento dell’Est. Poco più di un mese fa, sempre a Vigliano, un altro pensionato di 69 anni venne derubato del suo orologio Rolex. Il fatto si verificò in via Rivetti. Le modalità dei due furti sono molto simili. Ad avvicinare con fare gentile l’uomo, anche in quel caso, fu una avvenente signorina che si servì della scusa di aver bisogno di indicazioni stradali. Non si sarebbe però trattato della stessa persona in quanto descritta questa come olivastra di carnagione e dall’accento latino. Nella stessa settimana, un uomo di 60 anni, è stato invece derubato di un replica orologi rolex da polso in oro in strada Marghero a Biella. A distrarlo e a riuscire a sfilargli il prezioso oggetto del valore di 2 mila euro dalle tasche furono due donne.

Più recente il fatto avvenuto a Gaglianico dove nei giorni scorsi vittima di un furto con destrezza del suo segna tempo da polso è stata una pensionata di 79 anni. L’anziana accortasi del furto avvenuto sulla rampa di accesso al condominio dove vive ha poi chiesto aiuto al 112. La descrizione fatta ai carabinieri dell’autrice del furto coincide con quella del primo colpo a Vigliano. Indagini sono in corso. Resta valido l’invito a non dare confidenza a sconosciuti.

FORTE DEI MARMI — Versilia e altre località da frequentare nel fine settimana per mettere a segno i loro colpi: le rapine di replica orologi rolex.

La polizia di Forte dei Marmi è partita da un colpo messo a segno a Marina di Pietrasanta e ha emesso quattro misure cautelari, di cui due di custodia in carcere, per tre uomini e una donna, tutti residenti nel comune di Napoli.

Nell’immediatezza del furto, nel febbraio scorso, sulla spiaggia di Marina di Pietrasanta, l’autore del colpo era stato bloccato da alcuni passanti e arrestato poco dopo avere rubato a un 68enne un Rolex Daytona del valore di 40mila euro.

“Gli accertamenti effettuati hanno consentito – ha spiegato la polizia – di appurare che ad agire sarebbe stata una banda che utilizzava anche mezzi a noleggio per effettuare le trasferte. In particolare è stato rintracciato il motorino utilizzato per il colpo”.